Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Carie

6 Luglio 2018 / 18:30 - 24 Marzo 2019 / 23:00

Gratuito

Carie: processo distruttivo, degenerativo, di un osso, di un dente, di un albero…di una società.

Questo il fil rouge che lega i lavori di Marco Gubellini: 4 installazioni legate ai valori, alle tematiche care all’artista ma soprattutto alla sua visione di come nella nostra realtà siano in atto processi degenerativi inarrestabili o quasi.

In mostra c’è un mondo smaltato, luccicante, dove il brillio superficiale osannato e ostentano, viene giustapposto a coprire un degrado sottostante: è così che il guasto, il marcio, ciò che dovrebbe/potrebbe forse essere curato se preso in tempo, invece prolifera.

Questo fenomeno sembra essere potenzialmente insito nella natura umana e investire gli ambiti primari del nostro vivere: etica, estetica, spiritualità, convivenza.

Si tratta di installazioni iperrealiste che traspongono il bisogno di tradurre in forme tangibili le immagini create dalla testa dell’autore di fronte alle proprie riflessioni. Non si vuole lasciare spazio allo sforzo di lettura della bidimensionalità o a interpretazioni troppo soggettive di quello che si ha davanti: si tratta di allegorie in cui ogni dettaglio trova un posto all’interno del messaggio senza margini di fraintendimento.

La presenza e il concatenarsi di ogni pezzo ha una logica spesso schiacciante e meccanica, sarcastica e caustica: ogni elemento si lega agli altri in un rapporto di causa-effetto in cui lo spettatore assiste impotente. Farsi coinvolgere vorrebbe dire prendere un posto, ricoprire un ruolo all’interno di quegli elementi, sostituirne anche uno solo andando a interrompere la sequenza innescata.

Non si tratta di interattività richiesta o dichiarata -solo all’interno di “Cadavre exquis” si palesa un terzo posto per l’osservatore- ma, in generale, si tratta più di una provocazione che attende reazioni estemporanee o che si svilupperanno fuori dal tempo della mostra.

Estetica falsata, comunicazione anestetizzata di massa, incapacità di senso critico generato dall’assuefazione alla superficialità dei media attuali, portano alla ricerca di risposte false e altrettanto superficiali, qui servite su un piatto d’argento. È davvero più dolce e leggero questo mondo dorato e glassato o ci porterà ad esserne nauseati?

L’artista non sembra credere in una possibile cura/redenzione di questa società se non attraverso una presa di coscienza forte, una terapia d’urto che risvegli i sensi e il senso di ciò che siamo o potremmo essere.

Non un intento moralistico ma più che altro una dichiarazione di consapevolezza.

Teste, croci, scimmie, feci… appaiono in un insieme che non lascia indifferenti, infastidisce, ad alcuni addirittura duole, proprio come quella carie che dà il titolo alla mostra.

 

Chiara Gafforini

 

Dettagli

Inizio:
6 Luglio 2018 / 18:30
Fine:
24 Marzo 2019 / 23:00
Prezzo:
Gratuito
Categoria Evento:
Sito web:
https://www.artribune.com/mostre-evento-arte/marco-gubellini-carie/

Organizzatori

Marco Gubellini
Chiara Gafforini

Luogo

Galleria Borgo d’Oro
Via Borgo S. Caterina, 33
Bergamo,
+ Google Maps

©2020 Marco Gubellini - privacy - cookies - credits
site by Progetti Astratti